Libri e novità letterarie
Contattaci - libri@oggiblog.it




​​​

Presentato nella Sala del Consiglio Comunale di Todi il libro ” Io, Ing. Terrone.Vita controccorente di un imprenditore del Sud “, LOG Edizioni. Al centro del tavolo l’autore Aldo Forbice, e alla sua sinistra l’Ing. Terrone.

La Sala del Consiglio Comunale di Todi, gremita di pubblico, ha ospitato la presentazione del libro “ Io, Ing. Terrone “ di Aldo Forbice. Organizzata dal Rotary Club di  Todi, in collaborazione con il Liceo “ Jacopone da Todi “, l’appuntameto ha visto la presenza dell’autore e del personaggio a cui è ispirato il libro, un imprenditore del sud che “ realizza se stesso con i suoi ambiziosi obiettivi, stimolato da un forte senso di giustizia e di solidarietà “. L’appuntamento è stato introdotto dal presidente del Rotary Club di Todi, Fabio Catterini, che oltre a ringraziare Aldo Forbice e l’ing. Francesco Terrone, ha evidenziato le motivazioni alla base della serata e i successivi appuntamenti del club per l’anno in corso. Il preside del Liceo “ Jacopone da Todi “, Sergio Guarente, moderatore dell’incontro, ha specificato come l’appuntamento si inserisse anche nell’ambito del ciclo “ I venerdì del Liceo “, un ciclo didattico che riscuote notevole apprezzamento. Il prof. Guarente ha poi sintetizzato gli aspetti salienti del libro, dando poi la parola all’autore. Il giornalista Aldo Forbice ha ripercorso le motivazioni alla base del libro, gli aspetti umani e le capacità professionali di un uomo, l’ing. Terrone, che “ senza il sostegno di contributi pubblici a fondo perduto e senza finanziamenti agevolati, e soprattutto rifiutando deplorevoli compromessi “ ha raggiunto gli obiettivi prefissati. Ed è stato poi lo stesso ing. Terrone ha raccontare sinteticamente il suo cammino, le sue speranze, il suo stupore nel vedersi respingere in alcune città del nord Italia proprio a causa del suo cognome “. Francesco Terrone però non si arrende, anzi da certi episodi trae la forza e lo stimolo per realizzare una grande azienda di servizi. Notevole l’interesse del pubblico, che ha partecipato con domande e considerazioni al successivo dibattito.



Stampa questo articolo

Rispondi