Libri e novità letterarie
Contattaci - libri@oggiblog.it




​​​

” Impronte di gloria ” di Luigi Canetti

Lo storico Canetti rilegge le questioni che legano immagini, reliquie ed oggetti sacri, alla luce della trasformazione che nella modernità ha separato sempre più ” visibile ed invisibile” L’ornamento, nell’accezione greca di ágalma (ciò che risplende e onora, e perciò glorifica), è stato per oltre un millennio uno dei segni elettivi con i quali la gloria del Dio della Bibbia, imprimendo le figure della santità cristiana, ha disseminato nella storia le sue tracce visibili. Le impronte di gloria (orme divine, reliquie, reliquiari, immagini votive e altre insegne e sostanze cristiche) avrebbero enucleato alcuni tra i più importanti dispositivi rituali che, dalla Tarda Antichità al Rinascimento, attivarono l’efficacia politica dello scambio salvifico. È il regime discorsivo e rituale, qui definito paradigma agalmatico, che istituì e governò l’immaginario economico e religioso dell’Europa cristiana consentendo l’incessante metamorfosi dei beni terreni nei tesori celesti e innescando il sistema retributivo della grazia e del miracolo. Dal XII secolo, l’oro dei santi e l’oro monetale, fino ad allora non separabili perché parte e motore di uno stesso circuito sacrificale, divaricarono per sempre i propri destini. Si avviò così la transizione epocale dal paradigma agalmatico alla modernità economica, dal mondo dell’ornamentum al regime dell’utilitas, dall’era dell’effigie e dell’impronta all’età dell’arte e degli artisti.

Editore : Carocci ( Collana Studi Storici Carocci ) – Pubblicazione : Gennaio 2013 – Prezzo : Euro 49,00

 


Stampa questo articolo

Rispondi